Clarinetto

Livello A

OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

OPERE DI RIFERIMENTO

PROVE D’ESAME

              Tecnica strumentale

Postura.

Impugnatura dello strumento.

Imboccatura: emissione e articolazione dei suoni.

Respirazione: esercizi propedeutici di respirazione diaframmatica.

Studi di tecnica o ‘giornalieri’ di livello elementare (da eseguire preferibilmente a memoria).

Scale e arpeggi maggiori e minori (fino a 3# - 3b).

Armonizzare la tecnica strumentale alle finalità espressive

 

                     Repertorio

Studio di facili brani tratti dal repertorio strumentale.

Nozioni di base necessarie alla comprensione del testo musicale.

Indicazioni di base sul modo di procedere all’esecuzione di semplici composizioni strumentali.

Esecuzione di facili brani per più clarinetti.

   Educazione dell’orecchio

 

Riconoscimento degli intervalli. Composizione di facili melodie da eseguire a memoria. Trasporto in altre tonalità di semplici melodie e saper improvvisare semplici variazioni sul tema. Riconoscimento di variazioni significative dell’intonazione di un suono. Esecuzioni di facili brani per più Clarinetti.

Conoscenza dello strumento

Elementari nozioni organologiche. Componenti. Manutenzione.

  (da considerare come puramente indicative del livello strumentale da raggiungere e non come opere da adottare)

 

GIAMPIERI, Alamiro.

Metodo per clarinetto (vol. 1-2)

Milano: Ricordi Edizioni BMG Pubblications

LEFEVRE, Jean-Xavier.

Metodo per Clarinetto (vol. 1-2)

Milano: Ricordi Edizioni BMG Pubblications

JEANJEAN, Paul

20 studi progressivi e melodici (vol. 1)

Parigi: Alphonse Leduc.

WASTALL, Peter

Learn as you play Clarinet

Londra: Boosey & Hawkes

LAUTZENHEISER Tim, HIGGINS John, MENGHINI Dr. Charlesi,LAVENDER Paul, RHODES Tom ,BIERSCHENKDon.

Essential elements 2000 Milwaukee: Hal Leonard Publishing Corp.

AA.VV.

Yamaha Band Student: A Band Method, Book 1

Van Nuys CA: Alfred Publishing

HOVEY, Nilo

Rubank Elementary Method

Milwaukee: Hal Leonard Publishing Corp.

AA.VV.

Popular classics – solos, duets & trios for clarinet

Warner Bros  

 

1. Confermare di possedere le qualità indispensabili per una buona riuscita nello strumento prescelto.

2. Scale cromatica, maggiori e minori fino a tre diesis e tre bemolli e arpeggi: Punteggio premio di 0,25/10 a chi esegue anche le settime di dominante per il modo maggiore e le settime di sensibile per il modo minore, tutto rigorosamente a memoria.

3. Esecuzione di due studi estratti tra cinque tratti dai seguenti metodi: Lefèvre vol. II i Capricci (da pag 38 a 43) o gli studi con abbellimenti (da pag.28 a 33), Blatt 24 studi, Gambaro 21 capricci, Jean-Jean 20 studi progressivi (I° parte).

4. Prova di lettura a prima vista e trasporto facile in DO e LA

5. Punteggio premio di 0,25/10 a chi esegue un brano di musica d’insieme dal duo al quartetto

6. Punteggio premio di 0,25/10 a chi esegue un brano in duo con il Pianoforte

7. Punteggio premio di 0,50/10 a chi esegue una propria composizione o improvvisazione (anche con base)

8. Punteggio premio di 0,50 a chi esegue uno studio qualsiasi tratto dai metodi, di cui al punto 3, in almeno una delle seguenti possibilità:

• Con il Clarinetto Basso

• Con il Corno di Bassetto

 

<p

Livello B

OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

OPERE DI RIFERIMENTO

PROVE D’ESAME

               Tecnica strumentale

Sviluppo della tecnica strumentale e introduzione di nuovi parametri strumentali.

 

Esercizi di base su articolazione, intonazione, dinamica, meccanica.

Ampliamento degli studi di tecnica o ‘giornalieri’.

 

Scale maggiori e minori (fino a 5# - 5b).

Arpeggi nelle medesime tonalità (ampliamento dell’estensione).

 

Scale cromatiche.

Armonizzare la tecnica strumentale alle finalità espressive.

Eseguire gli abbellimenti e apprendere le relative diteggiature.

 

              Repertorio

Studio di brani scelti appartenenti a diversi stili del repertorio strumentale, con particolare riguardo agli autori italiani. Analisi elementari dei repertori studiati.

Ascoltare incisioni di opere del repertorio solistico e cameristico per Clarinetto.

   Educazione all’orecchio

Esecuzione di melodie in canone. Esecuzione di semplici

melodie ascoltate. Esecuzione di

facili brani per più Clarinetti.

              Lettura a prima vista

Lettura estemporanea di brani per clarinetto solo e/o duetti di livello facile.

        Conoscenza dello strumento

Elementari nozioni circa lo sviluppo dello strumento nei secoli.

(da considerare come puramente indicative del livello strumentale da raggiungere e non come opere da adottare)

GAMBARO, Vincenzo.

21 Capricci

12 Capricci

Milano: Ricordi Edizioni BMG Pubblications

 

MAGNANI, Aurelio.

Metodo completo per clarinetto.

Parigi: Alphonse Leduc.

 

LEFEVRE, Jean-Xavier.

Metodo per Clarinetto (vol. 3)

Milano: Ricordi Edizioni BMG Pubblications

GABUCCI, Agostino.

Metodo per clarinetto

Milano: Carish

MULLER, Ivan.

30 Studi in tutte le tonalità

Milano: Ricordi Edizioni BMG Pubblications

 

JEANJEAN, Paul

20 studi progressivi e melodici (vol. 1-2)

Parigi: Alphonse Leduc.

 

SEARLE, Leslie

Clarinet Fun by Leslie Searle - Book 2 (duets), Book 3 (trios)

Meinz: Schott

 

GOODAER, Norbert

 

Bloomington: Woodwindiana 

 

 1. Scale cromatica, maggiori e minori fino a cinque diesis e cinque bemolli e arpeggi: Punteggio premio di 0,25/10 a chi esegue anche le settime di dominante per il modo maggiore e le settime di sensibile per il modo minore, tutto rigorosamente a memoria.

2. Esecuzione di due studi estratti tra sei tratti a scelta dai seguenti metodi: Blatt 12 capricci op.17, Gambaro 22 studi progressivi, Klosè 20 studi caratteristici , Stark 10 studi op.40.

3. Lettura a prima vista e trasporto in DO e LA . Punteggio premio di 0,25/10 a chi da dimostrazione di conoscere anche i trasporti in Mib (chiave di mezzo soprano) e in Sib (chiave di baritono).

4. Punteggio premio di 0,25/10 a chi esegue un brano di musica d’insieme dal duo al quartetto

5. Punteggio premio di 0,25/10 a chi esegue un brano in duo con il Pianoforte

 

7. Punteggio premio di 0,50 a chi esegue uno studio qualsiasi tratto dai metodi, di cui al punto 3, in almeno una delle seguenti possobilità:

• Con il Clarinetto Basso

• Con il Corno di Bassetto

• Con il Clarinetto piccolo Mib • Con un Clarinetto di diverso sistema, (ad esempio se un allievo studia con sistema francese Boehm, potrà dare dimostrazione di saper eseguire anche con un Clarinetto sistema tedesco Oehler e viceversa).

Livello C

OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

OPERE DI RIFERIMENTO

PROVE D’ESAME

              Tecnica strumentale

(Consolidamento della tecnica strumentale).

 

Esercizi di base su articolazione, intonazione, dinamica, meccanica, vibrato,intonazione…

 

Ampliamento degli studi di tecnica o ‘giornalieri’.

 

Scale maggiori e minori in tutte le tonalità e  arpeggi in tutte le tonalità.

 

Scale cromatiche nell’ambito dell’intera estensione dello strumento.

 

Armonizzare la tecnica strumentale alle finalità espressive.

Apprendere le diteggiature di ripiego e dei trilli.

               Repertorio

(Eseguire e interpretare repertori scelti di musica strumentale).

Studio di brani scelti appartenenti a diversi stili del repertorio strumentale, con particolare riguardo agli autori italiani.

Analisi elementari dei repertori studiati.

Ascoltare incisioni di opere del repertorio solistico e cameristico per Clarinetto.

Ascoltare interpretazioni delle medesime opere, appartenenti a stili diversi, da parte di vari esecutori.

             Lettura a prima vista

Lettura estemporanea di brani per clarinetto solo e/o per due clarinetti.

     Conoscenza dello strumento

Storia del clarinetto.

Principi costruttivi del clarinetto.

Nozioni di acustica dei tubi sonori.

 

 

(da considerare come puramente indicative del livello strumentale da raggiungere e non come opere da adottare).

 

KLOSE’, Hyacinthe.

Metodo Completo per Clarinetto

20 Studi Caratteristici

20 Studi di Genere e di Meccanismo

Milano: Ricordi Edizioni BMG Pubblications

 

GIAMPIERI, Alamiro.

Passi orchestrali (vol. 1-2)

Milano: Ricordi Edizioni BMG Pubblications

 

MULLER, Ivan.

30 Studi in tutte le tonalità

Milano: Ricordi Edizioni BMG Pubblications

 

BLATT, Franz Thaddaus.

12 Capricci in forma di Studio

Milano: Ricordi Edizioni BMG Pubblications

 

BAERMANN, Heinrich Joseph.

12 Esercizi op. 30

Milano: Ricordi Edizioni BMG Pubblications

 

CAVALLINI, Ernesto.

30 Capricci

Milano: Ricordi Edizioni BMG Pubblications

 

STARK, Robert.

24 Studies in all tonalities op.49

New York: International Music Company

Milano: Ricordi Edizioni BMG Pubblications

JEANJEAN, Paul

20 studi progressivi e melodici (vol. 2-3)

Parigi: Alphonse Leduc

 

Baines Anthony, Woodwind Instruments and Their History, with a foreword by Sir Adrian Boult. New York : Dover 1991

 

Brymer Jack, Clarinet, London, Kahn and Averill, 1990

 

Meloni Fabrizio Il Clarinetto. Varese: Zecchini Editore, 2000

 

 

PROVA D’ESAME FINALE

1. Scale cromatica, maggiori e minori melodiche in tutte le tonalità e arpeggi: Punteggio premio di 0,25/10 a chi esegue anche le settime di dominante per il modo maggiore e le settime di sensibile per il modo minore, tutto rigorosamente a memoria. Ulteriore punteggio premio di 0,25/10 per chi esegue anche le scale esatonali, diminuite e dare dimostrazione di conoscere altre tipologie di scale minori oltre alla melodica.

 

3. Esecuzione di due studi estratti tra sei tratti a scelta dai seguenti metodi: Stark 24 studi in tutte le tonalità op. 49 (n.2,3,6,9,23), Cavallini 30 Capricci (3,5,14,23,29), Baermann 12 Esercizi op.30 (3 e 6), T.Blatt 12 Capricci op.17, G.B.Gambaro 22 studi progressivi.

4. Lettura a prima vista e trasporto in DO e LA . Punteggio premio di 0,25/10 a chi da dimostrazione di conoscere anche i trasporti in Mib (chiave di mezzo soprano) e in Sib (chiave di baritono), in DO per lo strumento in Mib (chiave di soprano).

5. Esecuzione di due passi Orchestrali scelti dalla dall’elenco 1°.

6. Punteggio premio di 0,25/10 a chi esegue un brano di musica d’insieme dal duo al quartetto

7. Punteggio premio di 0,25/10 a chi esegue un brano in duo con il Pianoforte

8. Punteggio premio di 0,50/10 a chi esegue una propria composizione o improvvisazione (anche con base)

 

10. Punteggio premio  a chi esegue uno studio qualsiasi tratto dai metodi, di cui al punto 3, in almeno una delle seguenti possobilità:

• Con il Clarinetto Basso + un passo orchestrale scelto dalla scheda 1b + trasporto in DO e LA in chiave di basso, (chiavi di mezzo soprano e contralto), 0,50/10

• Con il Clarinetto piccolo Mib + un passo orchestrale scelto dalla scheda 1c + trasporto in DO (chiave di soprano), 0,50/10

• Con il Corno di bassetto + trasporto in DO (chiave di baritono), 0,50/10

 

 La Commissione degli esami finali di I, II e III ciclo  può decidere, a propria discrezione, di fare eseguire al candidato il programma d’esame integralmente o parzialmente.

 

 

SCHEDA DEI PASSI ORCHESTRALII

 

Scheda 1, (Clarinetto soprano)

 

 

Respighi – da “I Pini di Roma”, I Pini del Gianicolo

Rossini – “La Cambiale di Matrimonio” “Il Barbiere di Siviglia”

Bellini – “I Capuleti e Montecchi”

 “La Sonnambula”

Puccini – “Boheme” Atto primo “Tosca” Atto terzo (Solo)

 Verdi – “La forza del Destino” “Rigoletto”

 

Sceda 2, (Clarinetto Basso)

 

 Boito – Mefistofele” Atto primo

Franck – Sinfonia in RE minore

Respighi – Feste romane (Circenses)

Verdi – “Forza del Destino” Atto quarto “Aida” Atto quarto “Falstaff” Atto terzo

Wagner – “Tannhäuser” Atto quarto “Tristano e Isotta” Atto secondo Preludio

 

Scheda 3, (Clarinetto Piccolo)

 

Ravel – Bolero Concerto per Pianoforte in Sol maggiore Daphnis et Chloé

Prokovief – Sinfonia n.5 secondo movimento

Stauss – Salome

Berlioz – Synphonie Fantastique

Strawisky – La Sagra della Primavera

Ammissioni

 La domanda di ammissione, ai corsi di base pre accademici per l'A.A. 2015/2016 sarà disponibile online e presso la Segreteria del ns Istituto dal 30.04.2015

L'esame si svolge nel mese di ottobre presso la sede di Trebisacce in Viale della Libertà, 220 - 87075. La data dell'esame sarà disponibile online a partire dal 01.09.2015.

Il candidato dovrà presentare un programma a libera scelta della durata massima di 10 minuti.